Attività sessuale – dell’uomo nel quinto decennio di vita - Veneziaartmagazine.itQuanto spesso entrate in intimità con la vostra partner? Alcuni rappresentanti del sesso forte risponderanno a questa domanda in modi diversi. Se si pone questa domanda a un rappresentante del sesso forte nelle diverse fasi della sua biografia, probabilmente riceverete opinioni diverse.

Sebbene l’invecchiamento non debba rappresentare un ostacolo per una completa attività intima, in molti uomini l’attività sessuale dopo i quaranta anni peggiora. In questo articolo apprenderete le cause di tali cambiamenti, procedimenti di recupero del benessere sessuale e di altri importanti aspetti.

Libido bassa

La bassa libido rappresenta un frequente disturbo che riguarda molti uomini in un determinato periodo della loro vita. Questo grave disturbo influisce su tutti gli aspetti della vostra vita, compresa la vita sessuale.

Sebbene la mancanza di voglia verso il partner può diventare la causa di agitazione nei rapporti e danneggiare la sicurezza in sè, spesso è possibile controllarla se viene stabilita la causa di base del disturbo.

Dal momento che la soddisfazione sessuale svolge un ruolo chiave nel benessere mentale e fisica degli uomini, la mancanza di desiderio verso la partner merita un’attenzione non inferiore rispetto a qualsiasi altra malattia.

Problemi di erezione

Attività sessuale – dell’uomo nel quinto decennio di vita - Veneziaartmagazine.itL’impotenza è uno grave malanno a causa del quale l’organo maschile non aumenta fino alle solite dimensioni in risposta alla stimolazione sessuale.

Proprio L’impotenza rappresenta la cruciale causa della perdita dell’attività sessuale. Questo problema colpisce milioni di ragazzi in tutto il mondo nel quinto decennio di vita, sebbene non sempre questi problemi siano seri.

Cause la perdita dell’attività sessuale dopo i 40 anni

I disturbi intimi nella mezza età sono altrettanto naturali come la diminuzione della forza fisica, perdita parziale dell’acuità visiva e cambiamenti nell’udito. Le ragioni di questi stati non sono solo l’aumento dell’età, ma anche:

  • Malattie mentali;
  • Diabete mellito;
  • Problemi con vasi piccoli e grandi;
  • Rallentamento del metabolismo;
  • Danni al tessuto nervoso;
  • Ipertensione nella fase 1, 2 o 3;
  • Bassi livelli di testosterone;
  • Problemi finanziari.

Come mantenere il piacere dell’intimità dopo i 40?

Se avete notato che si sono verificati cambiamenti significativi della libido o nell’ottenere o mantenere l’erezione, non aspettate che diventino un problema veramente serio.

Prendetevi cura della salute del vostro cuore. La funzione sessuale viene controllata, in particolare da parte della qualità del flusso sanguigno nei vostri organi. Se migliorate la salute dei vostri cuore e vasi sanguigni, migliorerete la vostra vita sessuale.

Siate fisicamente attivi. 3-4 allenamenti alla settimana vi aiuteranno a:

  • Avere un aspetto muscoloso;
  • Migliorare il sex appeal;
  • Stimolare la produzione di testosterone;
  • Riacquisire le precedenti prestazioni sessuali.

Bevete bevande di uva nera. Un test clinico, ovviamente italiano, ha determinato che chi beve uno o due bicchieri di vino rosso durante la cena si lamenta meno di problemi di erezione debole.

Assumete pillole sessuali. Un’equilibrata nutrizione a basso contenuto calorico possono rivelarsi assai importanti per il miglioramento del benessere soprattutto nel quinto decennio di vita. Allo stesso tempo le nuove abitudini non sempre sono in grado di fornire un rapido risultato.

Non rimandate la soluzione dei problemi. Studiate il ranking delle pillole per l’erezione. Scegliete i migliori metodi di cura in grado di farvi godere il sesso anche dopo 40 anni.